Monday, March 21, 2022

The adventures of the rolling reed organ

Prologue

My collection of musical instruments is expanding. In Italy, I left a digital organ and an East-Germany piano, bought by my parents during my school years, not mentioning the mandolin inherited from my grandfather and other small instruments. As soon as I moved abroad, 12 years ago, I bought a digital keyboard to practice at home. I also purchased two recorders and a mandolin in these years. Two years ago, after buying another digital organ for my viennese flat, I gave away the keyboard, hoping that it will help a friend to learn playing. Then, I had to think of the house on the mountains. I was looking for an instrument with a keyboard and that could possibly play without requiring electricity. The piano is too loud, too expensive for transportation and very sensitive to temperature and humidity. Then, a young organist met in Vienna suggested to go for a reed organ (Harmonium in German). I was skeptical at the beginning, I had played one in Brussels and I remember some from the time in Italy, but I was not quite impressed and such instruments are out of production since decades. I gave it a try, I learned something about the instrument from him and the internet, and I finally convinced myself that a kind of accordion but as large as a piano could be what I was looking for. I began to search for a second hand instrument on the internet.

The purchase

I checked the second hand market website for Austria for months, but I was not convinced by any of the announcements. Then, I contacted the person selling an Estey, an American reed organ, because I had the feeling that the instrument had been taken care of. I went to check it and it looked in a good condition. Quite big, with a lot of stops, but with a warm and gentle sound. The owner was a very kind educated lady, who was not playing the organ anymore and wished that it was sold to someone able to play it further. Done, I take it.

The transportation

Happy for the decision, I had to find a way to carry the organ to the country side. Many (more or less) professional companies asked quite a lot of money, even more than the price of the instrument, and many friends' car was too small to fit the instrument. Finally, I found a Romanian guy, who offered to help for a reasonable price. It was complicated to fix a day compatible with my, his and the owner's agenda, but we manage it.

current situation

The reed organ was actually heavier than imagined. A couple of friends and the seller were so kind to help me bringing the instrument to the street and loading it on the truck. The journey went fine, but the surprise was waiting at the destination: not only there was a heavy snowstorm, but it had continued for hours, so that the ground and the roads were covered by a thick layer of compacted snow. No way, the truck didn't manage to reach the house. The slope was too steep. We decided to park as close as possible and to carry the reed organ. Making it rolling, although it has wheels, was not possible due to the snow. We tried to lift it, but I'm not strong at all. Almost in despair, I phoned the neighbour crying for help. She sent her husband and son, even though they were just sitting for lunch. God bless them,! Four men managed to take the instrument into the garage, because the steps to the house were completely covered on snow. After carefully drying and cleaning the outer part of the organ, I could briefly check it. The reed organ had survived the adventurous transportation with very minor problems and I could play my favorite choral "Wer nur der lieben Gott läßt walten" full of joy. The day continued with some field work in the area, despite the snow.

The restoration

A couple of weeks after, I had time to check carefully the instrument. I am not able (yet) to perform a real restoration, but I wanted to check all the parts, repairing the wooden pieces that got damaged during the transportation and cleaning the interior of the instrument. Everything went fine. I could find the original label and thank to the young Italian organist I found out that the reed organ was manufactured in the USA in 1912. The instrument is 110 years old!!! It was then imported in Austria and survived two world wars (hopefully, it will not have to experience also a third one...). Unbelievable, despite the adventures, the intonation is still good and all the stops work.

First experiments

Mozart Krapfen for Carnival

After months, the reed organ is still in the garage. It took a while to get rid of the snow from the entrance, then the neighbours got covid, and now my parents are coming. The temperature in the garage (not heated) is similar to that I generally experience in churches, so it shouldn’t damage much the instrument, but staying there too long is not pleasant at all. Anyway, every time I'm home, I offer a kind of concert to the neighbours, playing with the garage door wide open. I've been playing music from Frescobaldi (I know, he composed long before the instrument was even invented) to Franck (more appropriate). Some chorals of Krebs seem written for the instrument. The several stops, the separation between high and low, and the forte with the knee levers allow effects recalling the two manuals of a pipe organ. Of course, I've been playing Bach, too.

The next chapter of the story will be carrying the instrument in the house and starting playing with friends and other instruments. I'll keep the blog updated. Make music, not war!


Saturday, March 12, 2022

Fast forward - guerra

Due anni di pandemia, siamo tutti frustrati e stanchi. Ormai le notizie dei contagi che almeno in Austria continuano a battere ogni record non ci sconvolgono più. È passata l'idea della "Durchseuchung", ossia che tutti più o meno si facciano la malattia, chi può con la "protezione" del vaccino, che sembra funzioni nel limitare i decorsi gravi. Hanno riaperto tutto e tolto i controlli (tranne in alcuni settori ed a Vienna). In questa atmosfera di rassegnazione è arrivata la mazzata successiva, una guerra a due passi che minaccia di diventare mondiale e di decretare la distruzione totale dell'Europa, se non dell'intera umanità. Sinceramente, temevo che dopo la pandemia sarebbe arrivata una crisi economica tale da scatenare un conflitto armato, ma credevo (o speravo) che sarebbero passati anni, come nel secolo scorso. Invece no, in questa società che vive tutto in fretta, che si nutre di video di pochi secondi e che non ha più l'attenzione di leggere un libro, anche gli eventi storici si susseguono accelerati, come i cambiamenti climatici. Abbiamo fretta di arrivare alla fine?

Dove porta questa strada? Camminare nella nebbia. 
Se prima si era divisi tra pro e contro vaccino, ora si è uniti nel trovare un nemico comune: il russo. Allora via i compositori russi dai programmi di concerto, via Dostoevsky dalle lezioni universitarie, via musicisti ed artisti russi che lavorano in Occidente e non si schierano apertamente contro quel complessato folle tiranno che regge il paese col terrore. Mi domando come mai, quasi un secolo fa, non si sia boicottata la musica e la cultura austriaca allo stesso modo, visto che Adolfo, un altro dittatore assetato di sangue, nacque sulla sponda orientale dell'Inn. Posso comprendere il rifiuto di lavorare con aperti sostenitori del matto al Cremlino, ma da qui a cancellare secoli di storia, compresa quella di oppositori politici del tempo come proprio Dostoevsky o Shostakovich passa un tir!

Questa sete di andare avanti porta pure a giudizi affrettati, a verità comode cui credere, senza porsi degli interrogativi. Ah no, quelli che prima non volevano il vaccino perché "chissà cosa c'è dentro" ora invece dubitano delle notizie al TG. In certi casi... hanno ragione. In Italia si punta alla spettacolarizzazione del dolore per avere audience, senza pensare agli effetti che questo possa avere sul pubblico più sensibile e già usurato dal bollettino quotidiano di morti e contagi causa pandemia. Senza contare che l'indigestioni di immagini drammatiche porta alla desensibilizzazione, per cui poi non ci farà più effetto nulla. A mio modesto parere ci dobbiamo rassegnare anche in questo caso che la "verità" non si saprà mai e anche se si sapesse, non avremmo gli strumenti per valutarla, come concluderanno gli storici tra cento anni, analizzando le vicende attuali. Sempre sperando che tra cento anni ci sia ancora qualcuno sulla Terra e sia in grado di farlo.

Ora, invece di accanirsi con il nemico di turno (identificato a tratti anche col parente o l'ex-amico che la pensa in modo diverso), rimbocchiamoci le maniche e diamoci da fare, affinché questa voglia di mandare avanti il film a velocità quadrupla ci porti pure ad un lieto fine quanto prima.

1. Aiutiamo come possiamo chi ha bisogno, sempre, non solo adesso, dai profughi ai discriminati.

2. Promuoviamo la pace ed il dialogo. Non con le armi o alimentando il fuoco delle discussioni e delle accuse reciproche. A partire dal posto di lavoro. Discutere è salutare, litigare o al contrario mettere la testa nella sabbia no.

3. Pensiamo anche al nostro benessere psicologico. Proteggiamoci dal flusso di brutte notizie, magari passando alla radio, ove non ci sono immagini se non nella nostra testa. Godiamoci l'imminente arrivo della primavera come possiamo. Investiamo del tempo in progetti a lungo termine. Fate musica!

Passerà anche questa? Non possiamo saperlo. Da due anni viviamo lo stress di non poter sapere cosa accadrà l'indomani. Non lo abbiamo mai saputo, ma ci eravamo illusi di poterlo prevedere. L'unica verità che dobbiamo accettare è proprio questa.

Sunday, February 6, 2022

Friendship in the pandemic

I owe an apology to all my friends, whom I promised a walk together or just a brief visit. I didn't manage to keep this promise. It's the pandemic fault. Two years of "new" life.

The first issue is the time. According to the rules and common sense, I should meet you individually, one by one, or in small groups. This, of course, outside my working hours, matching my free time with yours. During the week, my energies are drained by the work. In addition, I've been spending almost all my weekends in the countryside, when not playing organ in the church. I could meet only some of you and with long intervals. I tried to keep in touch with the most via socials, e-mails, and phone. I couldn't and cannot do more, sorry.

The second issue is that isolation made me more and more misanthropic. My patience towards the "others" decreased and I "cleaned" my contact list, removing people, whose conspiratorial theories or self piety were unbearable or not worth the time to listen to them. Quite cynical, I must admit. Nevertheless, I met new friends and I strengthened the relationship with other really good friends. Not so misanthropic after all. Even better, the limited contact favored the dialogue, talking more freely about private issues and feelings. However, I fear, I developed a real allergy against large groups. I wouldn't attend (or even worse organize) dinner with a lot of (statistically speaking, mostly Italian) "friends" anymore.

Winning the suspicion towards our next will be the greatest challenge in the next years, when (or if?) we manage to exit the pandemic. Something to work on.


Saturday, December 11, 2021

Quando l'Italia viene citata come esempio dall'Austria

Solitamente alterno i post in italiano a quelli in inglese. Ora tocca nella lingua dei miei avi. Il 2020 è stato l’anno della tristezza in Italia, con l’esplodere della pandemia, i carri militari carichi di bare, il Papa nella solitudine di una piazza San Pietro vuota, sferzata dalla pioggia e dal vento. Il 2021 è stato l’anno del riscatto italiano, non solo grazie alle vittorie sportive e musicali dei nostri connazionali, ma anche per la buona gestione della pandemia (fino a qualche settimana fa) che ha portato il paese ad essere citato persino dagli orgogliosi austriaci come esempio.

Le nostre bandiere affiancate a Schottetor 
Già, proprio l’Austria. Potrebbe esservi sfuggito che dopo aver deriso l’Italia per decenni come paese che cambia più spesso governi che calzini (in realtà aveva usato un altro termine), ha raggiunto il record di 5 governi in 2 anni. Com’è stato possibile? Tutta colpa della pandemia? No, il cambiamento era iniziato prima. All’inizio fu la crisi dei partiti tradizionali che alla fine del 2016 portò al ballottaggio (al terzo tentativo dopo vari rinvii e ripetizioni) tra un candidato dei Verdi ed uno di estrema destra (FPÖ) per la carica di presidente della repubblica. Vinse il candidato dei Verdi, ma alle successive elezioni politiche i Verdi nemmeno riuscirono ad entrare in parlamento. In risposta a ciò, il (politicamente) giovanissimo leader del partito popolare (ÖVP), Kurz, rinnovò completamente il partito con grande successo, spostandolo però un po’ più a destra rispetto al passato. Il segno del cambiamento fu rimarcato dalla variazione del colore del partito, dal nero al turchese, casualmente più vicino al blu della FPÖ. Alle successive elezioni andò al governo proprio un’alleanza ÖVP-FPÖ. Governo che cadde nella tarda primavera del 2019 a causa dello scandalo "Ibiza" con la prima sfiducia della storia austriaca. Non intendo entrare nei dettagli, la conseguenza fu la creazione di un governo tecnico con la prima cancelliera donna, Bierlein. Gli Austriaci erano piuttosto disorientati da un governo tecnico. Stavolta toccò a noi prenderli in giro, data l’esperienza sul campo.

Il governo tecnico era solo di transizione, per indire nuove elezioni. Da gennaio 2020 torna al governo Kurzl’unto dal Signore secondo più di qualcuno, anche sacerdote, alleato con i Verdi. E qui comincia il "valzer del cancelliere" (brano appropriato, dato il paese). Coinvolto in indagini sul suo conto, decide di fare un passo "di lato", come ha detto, indicando nel ministero degli esteri, Schallenberg, il suo successore. Scelta che il presidente della repubblica non ha potuto far altro che avallare. Dopo nemmeno due mesi (esattamente 56 giorni), travolto dalle indagini e dal ritiro dell’immunità parlamentare nei suoi confronti, oltre alla responsabilità di essere divenuto padre, Kurz decide di ritirarsi completamente dalla vita politica… indicando Nehammer, ministro degli interni, come prossimo cancelliere, sottintendo che Schallenberg dovesse dimettersi. Cosa ovviamente accaduta.

Lo stesso, ma in Italia
Così siamo arrivati al V cancelliere in due anni. Forse anche al ritorno alla vecchia politica (secondo un amico che vive a Vienna da più tempo della sottoscritta), dopo la meteora Kurz. Ciò che mi ha lasciato interdetta è il modo in cui il leader di un partito decida il suo successore. Cosa comune anche a livello di sindaci, vedi avvicendamento di Häupl - Ludwig a Vienna prima della fine del mandato e delle nuove elezioni. Forti della maggioranza, possono permetterselo. Eppure da noi non accadrebbe. Dopo lunghe consultazioni al "Colle" si arriverebbe ad una proposta di un nome il quale tenterebbe di formare un governo che dovrebbe affrontare la fiducia in parlamento prima di entrare in carica. La fiducia in parlamento non è così scontata, nemmeno nel caso di una maggioranza sicura, perché in Italia ognuno pensa con la propria testa (più o meno) e spesso si discosta dalle indicazioni di partito. Onestamente, mi sembra un sistema forse meno efficiente ma più democratico. Anche se per il tipo di indagini in cui il cancelliere è coinvolto, in Italia non si sarebbe dimesso nessuno. Nemmeno per lo scandalo Ibiza, probabilmente.

Ecco il punto dolente. L’Austria è una repubblica dal 1918, ben prima dell’Italia (1946), eppure sembra che viva ancora ai tempi dell’impero, o meglio, dell’imperatore Franz Joseph (il marito di Sissi, per quelli che non sanno chi fosse Cecco Beppe). Chi mi conosce penserà: ci risiamo! ora ricomincia a lamentarsi dell’Austria dopo averci voluto tornare con tutte le sue forze. Beh, non mi sto lamentando affatto. Sono contenta di restare qui. Medito soltanto sulla politica del paese vista con gli occhi di un’immigrata, proveniente da una nazione vicina che non è mai stata considerata esemplare. Una volta tanto, dovrebbe essere l’Austria ad imparare qualcosa dall’Italia. Forse. Purtroppo, col mio solito ottimismo, temo che l’Italia tra poco farà qualcosa che mi farà rimpiangere di aver scritto tale frase.

Saturday, November 27, 2021

What is freedom in a pandemic?

Since Monday, we are again on lockdown. This time, the whole Austria is furious. Vaccinated people are angry with the unvaccinated ones, who let the virus circulate, and with the government, which had promised "freedom and normality" for the vaccinated. Unvaccinated people are angry with the government, which has discriminated and segregated them, even if healthy (and tested). People working in hospitals, especially in the ICUs, are angry with the government, which has not improved their working conditions and has failed to contain the pandemic. Scientists are furious because their call has not been timely heard and it might be already too late.

Theatres, and opera and concert halls are closed again, even the strong 2G+ rule (vaccinated or recovered, + tested) couldn't prevent this decision. Museums are closed. We just had the time to enjoy a couple of fantastic openings. Generic shops, where the 2G rule applied, also cannot stay open. Thousands of employees are sent again in "Kurzarbeit" (with reduced working time and salary) and many others are forced to work from home (whenever possible). Christmas markets had the time to open and welcome some guests, before being closed, perhaps until after Christmas. This is the situation in Austria, but it is not much different in Germany. Virtuous nations, like (surprisingly) Italy and Portugal might reach the same point soon. Another winter closed at home, leaving the tiny flat only to get some food and some work done, seeing friends and family on a screen. In addition, a new mutated version of the virus is circulating, possibly jeopardising the effect of the vaccine. Only two years ago, all this could have seemed the plot of a bad movie.

Honestly, I'm not angry. However, I'm having some hard time trying to understand those, who are demonstrating for their "lost" freedom. Those claiming that the vaccination is a free choice (only if you decide not to get it), who don't realise that their choice can endanger the freedom (and the health) of others. Those, who have no idea what jail is, what does it mean not having the possibility to write and march for an ideal, what confinement is, etc. Basically, people who say "freedom" without knowing the meaning of the word. As scientist, I don't understand people believing in terrorizing news published on secretive website, with no control of the sources, but mistrusting scientific evidence, published on peer-reviewed journals, from independent labs and research centers. Being skeptical and critical is fine, as well as being open to alternative points of view, but why is such a skepticism applied only to science? No surprise, we are in a place full of "Heilpraktikern" (non traditional practitioners). We scientists (also those like me, not working in medicine) are partly guilty, we didn't learn to communicate science in an efficient way. Our language is not understood and, when we try to explain, we are accused of secrecy. 

I feel disappointed and frustrated by the situation. Two years of "half-life" lost and no hopes of a full recovery. We look the others with suspect. We trust none. We underrate our actual freedom, but can we call this "life"? What kind of human being will come out from this experience? Are we going back to the "homo homini lupus" mentality? Oh well, now I'm seriously worried.

Sunday, November 14, 2021

Viaggio in Italia... sin-pandemia

Dopo ben 19 mesi, sono tornata a sud col treno. Non ero mai stata così a lungo lontano dal paese, anche se ad onor del vero ero scesa brevemente a luglio in camper. In questi giorni "giù", oltre ai soliti giri e ad aggiornare i computer dei miei, sono stata al mare, nella mia vecchia università e ad un concerto d'organo. Sono rientrata a Vienna ormai da due settimane, trovandola con contagi crescenti ed alla disperata ricerca di un modo per evitare un nuovo lockdown. Cosa mi ha lasciato questo viaggio in Italia? 

- Viaggi con mezzi pubblici ed atmosfera generale. La gente è stranamente rassegnata ai controlli, alle mascherine (normali) ed al disinfettante, ma praticamente la totalità delle persone si attiene alle regole. Il treno dei pendolari era pieno (non strapieno), ma a differenza di Vienna tutti avevano la mscherina. I mezzi avrebbero entrata ed uscita in porte separate, come nelle stazioni, ma questo non è ancora arrivato, come anche l'appello ripetuto continuamente di favorire la discesa dei passeggeri prima di salire. Certe cose non cambiano! 
Da Porta Portello a Padova.

- Concerto di F. Finotti. L'occasione è stato un evento quasi privato, il 105° compleanno di un suo conoscente. Congratulazioni! Ha sostituito un momento di preghiera nell'istituto in cui si è svolto. Per questo non si trattava di un vero e proprio concerto. La musica di Bach scelta per l'occasione è stata una degna sostituta della preghiera ma anche delle festa. Il maestro si è divertito a giocare tra le tastiere, mostrando la varietà e personalità dei vari registri e la sua invidiabile abilità tecnica, ma ciò che ha reso il concerto eccezionale è stata la sua capacità di "spiegare" i brani senza bisogno di parole, per cui lo struttura dello spartito e la teologia profonda delle composizioni di Bach erano implicitamente evidenti anche per chi non conosce la musica. Se solo in Italia ci fosse la necessaria cultura, soprattutto tra i sacerdoti, per apprezzare e proporre simili occasioni come alternativa ad un rosario magari ripetuto stancamente... 

- Visita all'università. L'occasione era una mostra di meteoriti allestita da colleghi grazie al prestito di un collezionista privato. Mostra carina, fatta bene e con pezzi rari che spesso nemmeno alcuni prestigiosi musei si possono permettere. Ho anche rivisto un dottorando tedesco che era stato a Vienna giusto prima dello scoppio della pandemia e per puro caso ho reincontrato uno dei miei supervisori di dottorato. L'uni italiana si sta lentamente, molto lentamente, internazionalizzando, grazie a giovani professori che sono rientrati dall'estero e che riescono ad attirare ricercatori non solo dai paesi in via di sviluppo. L'eccellenza della ricerca italiana è poco apprezzata, in parte a causa dei noti ostacoli posti dalla burocrazia borbonica, dall'impegno didaddttico per gli italoparlanti, dalla miriade di commissioni pressoché inutili e dalla perenne carenza di fondi. Onestamente, se l'Italia si fosse trovata a questo livello 5-6 anni fa, probabilmente avrei potuto tentare di rientrare. Ora non ci penso proprio. 

Spiaggia di Sottomarina
- Gita al mare/laguna. Era davvero tanto che non vedevo il mare. Non sono un'appassionata dei bagni e dell'arrostimento estivo in spiaggia, ma mi piace camminare lungo la riva. Abbiamo avuto la fortuna di una bella giornata di sole, persino calda per essere novembre. La notte prima c'era stata alta marea (acqua alta nella laguna), per cui la spiaggia era ancora umida e la sabbia compatta, con moltissime cozze ancora col piede ancorato sulla rena. Ho capito gli Austriaci che raggiungono così volentieri le coste (nord)italiane. Ho fatto il pieno di sole in campagna/montagna nei mesi estivi, ma l'odore di acqua salmastra mi mancava. 

Se la situazione non peggiora, cosa che inizio a dubitare dati i numeri quotidiani, quest'anno potrò tornare a trascorrere le festività natalizie con i miei al paese. Purtroppo non si può prevedere quel che accadrà domani. Resta la speranza.

Saturday, October 2, 2021

What would you do for friendship?

Some days ago, I witnessed an unexpected sign of friendship among colleagues. A colleague of us told in the evening that she was sick, she had back pains and couldn't come to work the day after, nor working from home, because she couldn't even sit. It came out that she didn't have any medicament, painkiller or similar at home. A German colleague of us offered to bring her a good (and common) painkiller, as she just had the same problem a few days before. Even though it was late (9 pm), dark, and not quite warm, she jumped on her bike to bring some relief to a colleague, who a German would classify as "Bekannte" (acquaintance), not as "Freundin" (friend).

Not in A-minor, but after August Moll. Pharmacy in Vienna.
You might think that Germans are "cold", but when you are in need, they help! Many Italians, apparently much friendlier, promise to help, but find all kind of excuses, when you really ask them. Would have I done the same for this colleague, instead of criticizing her for not having painkillers at home or not running to a 24h pharmacy? We live in a big city, it would have not been a problem to get medicines, even delivered, also in the middle of the night. Honestly, for a good friend, yes, I'd have done it. For a colleague? Cannot say. Probably yes, if she specifically asked me to.

That's another point. If I was sick, would have I asked for help? I'm so proud that I tend not to ask. And not to accept the offered help. She had no problems accepting and I'm pretty sure that she'll find the way to return the favor, without urge, without feeling that she has debit. Last but not least, the noble colleague, the angel on bike, is lutheran, but not much active in the church. How many active catholics would have done the same? Religion as nothing to do in this case, it is a matter of "Erziehung", education, and humanity. A good lesson for all of us.