Thursday, March 4, 2010

Addio Colli

Libero adattamento dal Manzoni




Addio/ colli sgorganti calde acque ed elevati al cielo/ coniche forme/ note a chi è cresciuto tra voi/ e impresse nella sua mente/ non meno che l’aspetto de' suoi familiari/ canali dai quali mura di nebbia s'elevano/ come tende alle finestre del mondo/ villa Draghi riluccicante sul pendio/ memore di antiche passeggiate scolastiche/ addio!/ Quanto è malinconico il passo di chi/ cresciuto tra voi/ se ne allontana!//


nebbia sui colli
Alla fantasia/ di quello stesso che se ne parte volontariamente/ tratto dalla speranza di trovar lavoro altrove/ si appannano/ in questo momento/ i sogni della soddisfazione professionale/ egli si maraviglia d'essersi così deciso a partire/ e tornerebbe allora indietro/ se non pensasse che, un giorno tornerà più contento/ Quanto più si avanza nella veneta pianura/ il suo occhio si ritira/ disgustato e stanco/ da quell'ampiezza uniforme/ l'aria gli par gravosa e morta/ s'inoltra mesto e disattento/ tra le nevose montagne carniche/ le case aggiunte a case/ le strade che sboccano nelle strade/ pare che gli levino il respiro/ ed in città/ davanti agli edifizi ammirati dallo straniero turista/ pensa/ con desiderio inquieto/ all'organo a canne del suo paese/ alla casuccia in cui è cresciuto/ e che sente “casa” da gran tempo/ e che restaurerà/ tornando più ricco/ ai suoi colli//
Ma chi/ non aveva mai spinto/ al di là di quelli/ neppure un desiderio fuggitivo/ chi/ aveva composti in essi/ tutti i disegni dell'avvenire/ e n'è sbalzato lontano/ da una forza ostinata!/ Chi/ staccato a un tempo/ dalle più care abitudini/ e disatteso nelle più care speranze/ lascia quei colli/ per avviarsi in ricerca di luoghi sconosciuti/ per puro desiderio di conoscenza/ e non può/ con l'immaginazione/ arrivare a un momento stabilito per il ritorno!/ Addio/ casa natia/ dove/ sedendo/ con un pensiero infantile/ s'imparò a distinguere dal rumore dei passi comuni il rumore d'un passo felino/ ora rimpianto/ Addio/ casa ancora vergine/ casa sogguardata tante volte alla sfuggita/ nella quale la mente si figurava un soggiorno tranquillo e perpetuo di casalinga/ Addio/ chiesa/ dove l'animo riposò tante volte sereno/ suonando le lodi del Signore/ dov'era consueto/ all'attacco nel plenum/ il gaio sussulto segreto del cuore; doveva essere solennemente benedetto/ per l'amore infine coronato/ per la musica sacra/ addio!//
Chi dava a voi tanta giocondità vede tutto/ e non turba mai la gioia de' suoi figli/ se non per prepararne loro una più certa e più grande!

No comments:

Post a Comment

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...